Uno degli aspetti più importanti da considerare per il buon andamento di un’azienda, di qualsiasi dimensione e fatturato, è il suo clima aziendale, detto anche clima organizzativo. Vediamo cos’è e perché andrebbe sempre monitorato.

Clima organizzativo: definizione e caratteristiche principali

Per clima organizzativo, o clima aziendale, si intende un insieme di caratteristiche misurabili dell’ambiente di lavoro così come è percepito, direttamente o indirettamente, dagli individui che lavorano in questo ambiente, e che influenza la motivazione e il comportamento di queste persone.

Ciò che la definizione evidenzia, è la natura soggettiva del clima organizzativo perché basato sulla percezione dei dipendenti. Dipende quindi da un giudizio di valore che può variare molto da persona a persona.

Inoltre, il clima organizzativo ha effetti positivi e negativi sulla produttività, la motivazione e il comportamento dei dipendenti.

Oltre a questi fattori, ve ne sono altri da mettere in luce per comprendere appieno cosa sia il clima organizzativo:

  • È una “condizione psicologica”.
  • È un’istantanea della relazione tra l’organizzazione e i suoi impiegati.
  • È un insieme di caratteristiche che possono essere misurate con strumenti adeguati.
  • È legato alla qualità e all’adeguatezza dell’ambiente di lavoro.
  • Ha a che fare con il supporto che gli impiegati sentono di ricevere dall’organizzazione.
  • È influenzato fortemente dalla struttura organizzativa.

Quando si analizzano tutte queste caratteristiche, l’importanza di mantenere un buon clima organizzativo in azienda appare chiara. Tuttavia, come si raggiunge questo risultato? Cosa bisogna fare per garantirlo?

Valutazione del clima aziendale

Di solito, il primo passo verso il miglioramento del clima organizzativo, o clima aziendale, è fare un “sondaggio di clima”. Infatti, essendo questo soggettivo, solo con un sondaggio si può capire cosa i vostri dipendenti percepiscano come positivo o negativo sul posto di lavoro.

Alcuni fattori sono ricorrenti e dovrebbero essere oggetto dell’attenzione di chiunque sia interessato a mantenere un buon clima, ma va ricordato che solo un’analisi di clima aziendale svolta all’interno della vostra realtà può dettagliare correttamente la percezione dei vostri dipendenti su questi aspetti e farvi scoprire quali fattori li hanno motivati o demotivati.

Azioni per migliorare il clima aziendale

A volte, semplici azioni hanno conseguenze che vanno ben oltre le aspettative e possono essere un fattore di deterioramento del clima aziendale tanto quanto un fattore di miglioramento.

Per esempio, il desiderio di ridurre i costi, può portare alcune aziende a tagliare la fornitura di caffè. Tuttavia, i cinque minuti della pausa caffè che i dipendenti trascorrono chiacchierando tra un compito e l’altro, favoriscono l’integrazione e alleggeriscono lo stress, ed eliminarli provoca un effetto negativo sul clima dell’organizzazione.

Vediamo quindi quali sono gli aspetti da tenere in considerazione per garantire un clima aziendale positivo.

Spirito di squadra e coesione del gruppo

È un fattore cruciale. Assicuratevi di avere sempre un team unito che prova piacere nel raggiungere obiettivi comuni. Per ottenere questo, obiettivi e traguardi devono essere chiari e raggiungibili. Inoltre, è sempre essenziale dare un feedback sui risultati delle iniziative e dei progetti in corso, così come riconoscere le prestazioni di coloro che si distinguono.

Promuovere la missione, la visione e i valori dell’azienda

I dipendenti sanno quali sono gli obiettivi strategici dell’organizzazione? Immaginate quanto possa essere demotivante non sapere esattamente a cosa servono il vostro lavoro e i vostri sforzi quotidiani e se contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi dell’azienda nel suo complesso.

Mantenete i vostri impiegati informati sulla ragion d’essere dell’azienda, su dove vuole andare e su quali valori personali e aziendali ha a cuore e incoraggia.

Come viene percepita la delega dei compiti

È un aspetto che causa molti conflitti, specialmente quando si lavora con squadre competitive e motivate. E tutta questa motivazione può essere persa se i dipendenti non capiscono i criteri utilizzati per scegliere chi si occuperà dei compiti più importanti, dei progetti più impegnativi o dei clienti più redditizi.

Assicurarsi che i team credano nella competenza dei propri leader

Succede quasi certamente a tutti di vedere, ad un certo punto della propria carriera, che in azienda alcuni dipendenti considerino il loro direttore o manager inadatto a ricoprire la posizione e che sia lì solo perché fortunato o perché ha i contatti giusti. Che questo sia vero o no, il clima aziendale è una “percezione” e, quando questo accade nella tua organizzazione, devi fare qualcosa per cambiarlo.

Un clima aziendale può essere sano e piacevole per alcuni dipendenti, mentre per altri no. Ecco perché insistiamo sull’importanza di condurre indagini sul clima aziendale per aumentare il benessere organizzativo, la motivazione e la performance lavorativa.